Sonetti romaneschi V/L'aggratis e er picchinicche

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er guazzarolo sbiancato La pinitente che storce

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/342

L'AGGRATIS E ER PICCHINICCHE


 
     Nepà,2 mmunzú: la vera nun è cquesta:
Ve lo diremo noi come se spiega.
Sto picchinicche è una parola grega,
Che vvò ddí ppagà ir pranzo a un tant’a ttesta.
              
     Io voi nun me guardate cqui a bbottega
Si sto ssempre a ssegà, mmeno la festa;
Pe vvia3 ch’io tratto tutta ggente onesta,
Che ss’intenne de tutto e sse ne frega. 4
              
     Pò ssapello ch’edè sto picchinicche
Un coco amico mio che ssempr’è stato
A intrujjà5 ccazzarole in case ricche?
              
     Bbe’ ddunque, aggratis siggnifica a uffaggna,
E ppicchinicche ve l’ho ggià spiegato:
Picchinicche vo ddí ppaga chi mmaggna.


22 aprile 1846


Note

  1. Piquenique.
  2. Crede il popolo che in francese il no dicasi nepà.
  3. Imperocché.
  4. Se ne ride, non cede a chicchessia.
  5. Intruglio è mistura, piuttosto sozza, di varie sostanze, tra solide e liquide, quindi il verbo intrugliare.