Sonetti romaneschi V/L'allonguzzione der Papa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Er rispetto

../L'aribbartatura der capoccio IncludiIntestazione 25 aprile 2010 25% Sonetti

Er rispetto L'aribbartatura der capoccio

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/141

L'ALLONGUZZIONE DER PAPA1


 
     Disce che in d’una scerta allonguzzione 2
Che ha ffatto er Papa pe ggrattà la roggna
A un Re de fora, c’ha mmesso in priggione
Er Vescovo dell’acqua de Cologgna, 3
              
     Bbisoggna bbene valutà, bbisoggna,
Tra ll’antre,4 du’ bbellissime espressione,
Che llui cià ttanta e ppoi tanta raggione 5
Che cchi jje dassi6 torto è una caroggna.
              
     La Santa Cchiesa lui la chiama Sposa
De l’aggnello; e in st’affare va ar zicuro,
Perché ssa cche la pecora se7 tosa.
              
     Poi verzo er fine disce chiaro e uperto
Che la Cchiesa è una viggna. E cquesto puro 8
Nun je se pò nnegà.9 Vviggna è de scerto.10


6 gennaio 1838


Note

  1. per divina provvidenza Papa XVI, nel Concistoro segreto del giorno decimo di dicembre 1837.
  2. D’una certa allocuzione.
  3. Il vescovo di Colonia.
  4. Fra le altre.
  5. Nelle quali egli ha tanta e poi tanta ragione.
  6. Gli dasse.
  7. Si.
  8. Pure.

  9. === no match ===
    Non gli si può negare.
  10. Vigna è di certo. Qui vigna è vero sinonimo di “cuccagna„.