Sonetti romaneschi V/L'appuntamenti su la luna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'appuntamenti su la luna

../Lo svicolo der discorzo ../Un fischio d'aria IncludiIntestazione 2 aprile 2010 25% Sonetti

Lo svicolo der discorzo Un fischio d'aria


[p. 432 modifica]


L'APPUNTAMENTI SU LA LUNA


 
     Quanno stavo a Ppavia cor padroncino
Io m’accorze una vorta, anzi piú d’una,
C’upriva a mmezzanotte un finestrino
E sse metteva a ccontemprà la luna.
              
     Dico: “Che cc’è de bbello, sor Contino?„.
Disce: “Tasci: nun zai la mia furtuna?
Guardo quer che mo gguarda ir ber divino
Cijjo de la contessa di Varbruna„.
              
     E ssiccome tra mmé e la cammeriera
C’era quer [che] tra llui e la padrona,
Ché, nnerbigrazzia, quarche cosa c’era,
              
     Je fesce er giorn’appresso: “Di’ un po’, Oliva:
Stanotte a mmezzanotte sta drondrona
Che ccosa stava a ffà?„. Ddisce: “Dormiva„.

26 febbraio 1847