Sonetti romaneschi V/L'aria cattiva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La compassion de le disgrazzie Le regazzate de li Romaggnoli

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/298

L'ARIA CATTIVA


 
     Scappate via, sloggiate, furistieri:
Fora, pe ccarità, cch’entra l’istate.
Presto, fate fagotto, sgommerate,
Ché mmommó a Rroma sò affaracci seri.
              
     Nun vedete che ppanze abburracciate?
Che ffacce da spedali e ccimiteri?
Da cqui avanti, inzinenta li curieri
Ce mànneno le lettre a ccannonate.
              
     Si arrestate un po’ ppiú, vve vedo bbrutti,
Ché cqui er callo è un giudizzio univerzale:
L’aria de lujj’e agosto ammazza tutti.
              
     Pe ppiú ffraggello poi, la ggente morta
Séguita a mmaggnà e bbeve, pe stà mmale
E mmorí ll’ann’appresso un’antra vorta.


5 giugno 1845