Sonetti romaneschi V/L'aspèttito de la ggiustizzia I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aspèttito de la ggiustizzia

../Le lode de la Sora Nanna ../L'aspèttito de la ggiustizzia II IncludiIntestazione 16 aprile 2010 25% Sonetti

Le lode de la Sora Nanna L'aspèttito de la ggiustizzia II

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/149

L'ASPÈTTITO DE LA GGIUSTIZZIA I


 
     Cos’è ll’omo! Ma eh? Cquanno se2 disce!
Ammanettato fra li preti e ’r boja
Avé ccorata3 quela cara ggioja,
De maggnà4 vvermiscelli co l’alisce!
              
     Sta ppe scallasse er culo a la scinisce5
De l’infernaccio e ttiè cquer po’ de foja
De bbiastimà, ffijjaccio de ’na troja
La Madonna co ttutta la cornisce!
              
     Dà ccapocciate... sputa in faccia a Ppiatti,...6
Che ppoi in fin de fine è un monziggnore
Che mmanco er Papa j’usería sti tratti.
              
     Làsselo scrapiccià; cché appena more
Ce troverà llaggiú ggastiga-matti
Che nnun ce se fa un cazzo7
=== no match ===
er bell’umore.


24 gennaio 1838


Note

  1. L’aspettazione.
  2. Si.
  3. Aver coraggio.
  4. Giuseppe Venturini, omicida, decapitato impenitente il 24 gennaio 1838. Volle mangiare lautamente.
  5. Sta per riscaldarsi ecc. Cinigia: ma qui più propriamente, nel senso in cui tolgono i Romani questa parola, s’intende “gli avanzi triti del carbone„.
  6. Uno degli ecclesiastici che tentarono invano di persuaderlo a morire cristianamente.
  7. Col quale non si fa, ecc.