Sonetti romaneschi V/L'imbiancatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un gran guaio grosso La cuscína de sotto

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/89

L'IMBIANCATORE


 
     Doppo che jje finii l’imbiancatura
Ar mezzanino, ar terzo piano e ar quarto,
Quel’assassino da mazzola e squarto
Me negò ttutto in faccia; e mmó lo ggiura.
              
     Che vvòi!1 me sce pijjai ’n’arrabbiatura
Che, avessi visto, sartavo tant’arto.
Poi me sò2 ddato pasce; e ssi cce scarto 3
È affetto de l’abbile che mme dura.
              
     Un mijjonario! un bizzoco! un marchese!
Un nipote e ffratel de cardinale!
Accidenti che rrazza de paese!
              
     Quanno servi le ggente duzzinale
Nun te fanno improntà mmanco le spese;
E un nobbile lo sciti e nnun te vale.


4 marzo 1837


Note

  1. Vuoi.
  2. Mi sono.
  3. Se ci prorompo in ira: se do in escandescenze.