Sonetti romaneschi V/L'innurto novo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'innurto novo

../La spiegazzion de le staggione ../Pasqua bbefania I IncludiIntestazione 16 aprile 2010 25% Sonetti

La spiegazzion de le staggione Pasqua bbefania I

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/275

L'INNURTO NOVO


 
     Sentite? Pe un antr’anno, ha ddetto er frate,
Meno che ccor zalame e ccor presciutto
Se pò conní ccoll’onto e cco lo strutto,
Puro ne le viggijje commannate.
              
     E er Papa dirà ppoi quarche ffrabbutto
Che nun penza antro lui c’a bbuggiarate!
Ma nun zò infamità da cannonate?
Quer povero sant’omo penza a ttutto.
              
     Disce: “Ma a le miserie nun ce penza„.
E vve pare, pe ddio, che ppenzi a ppoco,
Si cce slenta le majje a la cusscenza?
              
     L’antre cose vieranno a ttemp’e lloco;
Ché ttutt’assieme poi nun è pprudenza
De volé mmette tanta carne ar foco.

no match

5 gennaio 1845