Sonetti romaneschi V/L'operazzione da la parte der cortile

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La canterina de la Valle Una svista

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/168

L'OPERAZZIONE DA LA PARTE DER CORTILE


 
     Che vve n’è pparzo?2 la faccenna è ita
Come ve discev’io, core mio bbello?
Co ’na puncicatina de cortello
Arièccheve3 cqua bbell’e gguarita.
              
     E vvederete poi si4 sta ferita
In fonno ar perzichino o ar callarello
Ve farà arivolà ccome un uscello,
E ssi sto tajjo v’aridà la vita.
              
     Nun ce sò ttante sciarle: ir zor Baroni,
Viva la faccia sua, è un pezzo grosso
D’accènneje, pe ddio, li lanternoni.
              
     Quanno ve mette lui le man’addosso
Fate puro5 ammanní li maccaroni
Pe vvia che sséte6 ggià a ccavallo ar fosso.7


7 novembre 1838


Note

  1. Dalle parti diretane.
  2. Paruto.
  3. Eccovi nuovamente.
  4. Se.
  5. Pure.
  6. Poiché siete.
  7. Avete vinto, avete superato ogni ostacolo.