Sonetti romaneschi V/L'ordinazzione p'er Carnovale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ordinazzione p'er Carnovale

../E io che ancora nun ho mmai possuto ../Er tempo materiale IncludiIntestazione 12 aprile 2010 25% Sonetti

E io che ancora nun ho mmai possuto Er tempo materiale

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/433

L'ORDINAZZIONE P'ER CARNOVALE


 
     J’ho da annà dar facòcchio sott’all’arco,
Pe vvisità li leggni e accommodalli:
Poi da padron Cremente er maniscarco
Pe rrimette li ferri a li cavalli:
              
     Poi dar drughiere pe l’orpello e ’r tarco
Da stajjuzzà li sbruffi bbianchi e ggialli:
Poi ggiú pp’er corzo a accaparrajje un parco:
Ortre un antro ar festino pe li bballi...
              
     Lei ggira tutto er zanto carnovale:
Perantro, ve’, nun je n’importa ggnente:
Anzi, pe cquer che ddisce, je fa mmale.
              
     E ccredo guasi che ssi cqui nnun fossimo...
Bbasta, lei vò vvedé ggode la ggente:
Va a ddivertisse per amor der prossimo.


15 febbraio 1847