Sonetti romaneschi V/La canterina de la Valle

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La mi' causa L'operazzione da la parte der cortile

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/167

LA CANTERINA DE LA VALLE


 
     “Ma cche cce trovi in sta madama Grisa,
Che ppe vvia1 che jj’amanca er culiseo
Canta da omo e ffa cchiamasse2 Meo, 3
E ppare un sfrizzoletto o una supprisa?„
              
     “Che cce trovo?! sce trovo, sor cardeo,
C’ha una vosce, per dio, tonna e ppriscisa.
Sce trovo che ssi4 ccanta, e cce l’avvisa,
Roma pare che ccurri5 ar giubbileo„.
              
     “Dijje che sse conzòli co l’ajjetto;
Perché ssai che pproggnostico je faccio?
Lei sta ar monno ar piú ar piú ’n’antro mesetto„.
              
     “Quela donna morí?!6 ssete un cazzaccio.
Nun lo vedete, ner guardajje in petto,
Che ttiè ll’anima chiusa a ccatenaccio?„.7


4 novembre 1838


Note

  1. Pel motivo.
  2. Fa chiamarsi: si fa chiamare.
  3. Vuol dir Romeo.
  4. Se.
  5. Corra.
  6. Morire.
  7. Le clavicole sporgenti e molto visibili nelle donne, sono dal popolo chiamate catenacci.