Sonetti romaneschi V/La caramaggnòla d'Argentina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La caramaggnòla d'Argentina

../L'aspèttito de la ggiustizzia II ../Lo sfrappone IncludiIntestazione 26 aprile 2010 25% Sonetti

L'aspèttito de la ggiustizzia II Lo sfrappone

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/151

LA CARAMAGGNÒLA D'ARGENTINA1


 
     “Zio, prima che ppijjate li bbijjetti
Dite un po’, cche vvò ddí ccaramaggnola?„
“Quanto sei sscemo! Vò ddí ccamisciola,
Corpetto-co-le-maniche a ddu’ petti„.
              
     “E ccome se po’ ffà2 cco li corpetti
A ffàcce3 le commedie, eh zio?„ “Bbestiola!
Se fa ccome se fa cco ’na parola
A ffàcce le canzone e li sonetti„.
              
     “Ma ddunque sta commedia sarà bbella?„
“Sarà bbella sicuro, fijjo mio„.
“E cce rèscita puro4 Purcinella?„
              
     “Nò, ccredo che cce resciti Arlecchino.
Armeno Nicolò cce l’ho llett’io,
E cce disceva puro piccinino„.5


29 gennaio 1838


Note

  1. di Alessandro Manzoni, dato nel teatro di Torre-Argentina da Luigi Domeniconi.
  2. Si può fare.
  3. Farci.
  4. Pure.

  5. === no match ===
    Il condottiero Nicolò Piccinino. E il figlio di Arlecchino chiamasi Nicolò piccinino, benché talvolta Nicolò mezza-camisa.