Sonetti romaneschi V/La compassion de le disgrazzie

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li fratelli Mantelloni L'aria cattiva

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/297

LA COMPASSION DE LE DISGRAZZIE


 
     La finímo sì o nno, bbrutti sscimmiotti?
Me sò accorto de tutto, me sò accorto.
Cosa v’ha ffatto quer povero storto,
Pe ppijjallo a ssassate e a scappellotti?
              
     Si ha avuto in vita sua li stinchi rotti
È una raggione de volello morto?
Sò l’inzurti e le bbòtte er ber conforto
Che ddate a la disgrazzia eh galeotti?
              
     Cacciatori d’uscelli senza penne!
Che bbella grolia! che bbella bbravura
De strapazzà cchi nun ze pô ddifenne!
              
     Se perzéguita un vizzio de natura,
E li vizziacci propri se protenne
De portalli cqua e llà ssempr’in figura!


3 giugno 1845