Sonetti romaneschi V/La congregazzione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Una visita de nov'idea La lingua francese

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/423

LA CONGREGAZZIONE


 
     Presidente, archidetto, segretario,
Sínnico, computista, fabbriscere,
Esattore, ecolonimo, cassiere,
Tutti abboccheno a ccresceme er zalario.
              
     “Io te sostengo, io nun te sò ccontrario,
Io te do er voto, io ciaverò piascere,
È de dritto, è de ggiusto, è de dovere,
Io lo trovo addescente, io nescessario...„.
              
     Ma cquanno ste bbravissime perzone
Le vado a rrisentí ddoppo er congresso,
“Eh, vv’è ccontraria la congregazzione„.
              
     E oggnuno intanto torna a ddí ll’istesso:
“È de dritto, è de ggiusto, è de raggione:
Ma... mma er conzijjo nun vò ddà ir permesso„.


28 gennaio 1847