Sonetti romaneschi V/La faccia der Monno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La strolomía Er bon governo

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/28

LA FACCIA DER MONNO


 
     C’è inzíno chi ssostiè ch’er Monno è ttonno, 1
Eppuro2 nun è ttonno un accidente. 3
Tutt’è pperché a le cose scerte ggente 4
Nun ce vonno arifrette,5 nun ce vonno.
              
     Pe ttutto o sse6 salissce o sse va a ffonno:
De cqui a Ccivitavecchia solamente
Sce sò7 ssette salite e ssette sscente: 8
Dunque, che tte ne pare? è ttonno er monno?
              
     Va’ a Ssan Pietro-Montorio, a Mmonte-Mario,
Ar Pincio, a Ttivoli, a Rrocca-de-Papa...
Sempre sce9 troverai quarche ddivario.
              
     Tonno davero se pò ddí10 un cocommero,
Una palla de cuppola, una rapa,
Una scipolla, un portogallo, un gnómmero...11


23 settembre 1836


Note

  1. Tondo.
  2. Eppure.
  3. Non è tondo affatto.
  4. Certe genti.
  5. Riflettere.
  6. Si.
  7. Ci sono.
  8. Discese.
  9. Ci.
  10. Si può dire.
  11. Un gomitolo.