Sonetti romaneschi V/La lingua francese

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La congregazzione Lo sgrinfiarello affamato

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/424

LA LINGUA FRANCESE


 
     Se crede sta cardea, perch’è ffrancese,
Che nnoi sémo un stallone de somari,
E cqui nun ze capischi e nnun z’impari
La lingua che sse parla ar zu’ paese.
              
     E che quanno sciangotta cor Marchese
De l’affari de casa o dd’antri affari,
Li su’ scescè sciusciú nun ziino chiari
Quant’un ber mazzo de cannele accese.
              
     Se n’è accorta però sta puttanella
Quanno c’oggi j’ho detto a l’improviso:
“Futter oví nnepà, mmadamusella„.
              
     E tt’abbasti a sapé ssi sse n’è accorta,
C’a sto discorzo mio tanto prisciso
M’è arrestata lì in faccia mezza morta.


29 gennaio 1847