Sonetti romaneschi V/La mojje dell'ammalato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er mal de petto La visita all'ammalato

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/103

LA MOJJE DELL'AMMALATO


 
     Sta mmale, male, male; e ssi la caccia 1
Pò attaccà er voto. È un pezzo: è da st’istate,
Che2 sse3 pijjò un’infirza de scarmate 4
Pe cquer mazzato vizzio de la caccia.
              
     Strilla c’ha ne le gamme e nne le bbraccia
Tutte le cungiunture addolorate.
E a mmé mme tocca a ffajje5 le nottate,
Che tte ggiuro, Maria, ch’è una vitaccia.
              
     Eh, ccosa disce er medico? Quer torzo
Disce ch’è rromatísimo: ecco tutto;
E cche l’ammalatia vò ffà er zu’ corzo.
              
     Sempr’accusí: ’na minestrina e un frutto.
Pe ddajje6 forza io poi sciaggionto7 un zorzo
D’acquavita o un tantin de vin assciutto.


14 marzo 1837


Note

  1. Se la cava.
  2. Quando.
  3. Si.
  4. Una serie di riscaldazioni.
  5. Fargli.
  6. Dargli.
  7. Ci aggiungo.