Sonetti romaneschi V/La morte co la coda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'affari de Stato La vénnita der cardinale morto

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/350

LA MORTE CO LA CODA


 
     Cqua nun ze n’essce:1 o ssemo ggiacubbini,
O ccredemo a la lègge der Ziggnore.
Si2 cce credemo, o mminenti3 o ppaini,
La morte è un passo cche vve ggela er core.
              
     Se curre a le commedie, a li festini,
Se va ppe l’ostarie, se fa l’amore,
Se trafica, s’impozzeno quadrini,
Se fa dd’oggn’erba un fasscio... eppoi se more!
              
     E ddoppo? doppo viengheno li guai.
Doppo sc’è ll’antra vita, un antro monno, 4
Che ddura sempre e nnun finissce mai!
              
     È un penziere quer mai, che tte squinterna! 5
Eppuro, o bbene o mmale, o a ggalla o a ffonno,
Sta cana6 eternità ddev’èsse eterna!


29 aprile 1846


Note

  1. Non si può uscire da questa alternativa.
  2. Se.
  3. Minenti, gente del popolo, e in particolar modo de’ rioni di Trastevere, Monti e simili.
  4. Un altro mondo.
  5. Ti scuote, sgomenta, schianta.
  6. Cagna, nel solo senso però di “crudele, nemica, barbara„; ed è sempre usata come aggettivo unito ad un nome. Nella assoluta significazione di femina del cane, dicesi costantemente cagna.