Sonetti romaneschi V/La mutazzion de nome

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La pinitente che storce L'orazzione esaudite

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/344

LA MUTAZZION DE NOME


 
     Ma nun zai che mm’ha ddetto er mi’ ggiudio?
M’ha ddetto che in d’un libbro sce se trova
Che Ddio ’na vorta se chiamava Gliova, 1
Ch’è cquant’à ddí nnun ze chiamava Ddio.
              
     Ma ccome, ma pperché, ddimanno io,
Oggi se chiama in sta maggnèra2 nova?
Un de le dua: o cqui ggatta sce cova,
O mm’ha detto una miffa er giudio mio.
              
     Io l’ho ttrovo3 però ssempre sincero;
E un’antra cosa poi, mastro Ggismonno,
Me dà a rrifrette4 che vvojji èsse vero.
              
     Ché, ssenza annà a ccercà ccome o nnun come,
Puro, inzomma, li Papa, c’a sto monno
Sò vvicarî de Ddio, muteno nome.


23 aprile 1846


Note

  1. Jeovah.
  2. Maniera.
  3. L’ho trovato.
  4. Mi dà a riflettere.