Sonetti romaneschi V/La passata ar momoriale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La bbriscola Er ladro d'onore

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/445

LA PASSATA AR MOMORIALE


 
     Padre curato mio, per che raggione
Lei nun vò ffamme dunque la passata
Pe cconcorre a la dota a la Nunziata
Si mme càpita mai quarc’occasione?
              
     Nun zò fforzi una ggiovene onorata?
Lei me pare, m’ha ppoco in condizzione.
Gnisun curato m’ha ffatte st’azzione
In quinisci parrocchie che ssò stata.
              
     Lei sappi che mi’ padre era sargente,
E cche mamma è ffijjastra d’un notaro
Che, ggrazziaddio, nun ze ne pò ddí ggnente.
              
     L’azzione mia le posso mette in mostra:
E ppoi, Lei lo dimanni ar campanaro
Che vviè ttutti li ggiorni a ccasa nostra.


28 febbraio 1847