Sonetti romaneschi V/La povera sciorcinata I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er bon core

../Er bon core ../La povera sciorcinata II IncludiIntestazione 2 aprile 2010 25% Sonetti

Er bon core La povera sciorcinata II

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/452

LA POVERA SCIORCINATA I


 
     Eh, fijja, da chi vvôi che mm’arivorti?
Li parenti sce ll’ho, ma ssò pparenti.
Ce n’ho, ar meno che ssia, quìnisci o venti;
Ma da un pezzo pe mmé ssò ttutti morti.
              
     Sin che ppòi dajje da arrotà li denti
Te li porti p’er laccio, te li porti:
Ma, ggnente-ggnente poi che sse sò accorti
Ch’er cammino è smorzato, aria a li vênti!
              
     Fijja, er monno va appresso a la furtuna;
E la furtuna, tu lo sai pe pprova,
Va ssiconno li quarti de la luna.
              
     Ce vò ppascenza: nun è cosa nôva.
La casa de la ggente che ddiggiuna
Sta llontano, e ggnisuno l’aritrova.


1° marzo 1847