Sonetti romaneschi V/La povera sciorcinata II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La povera sciorcinata I Li quadrini sudati


__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/453

LA POVERA SCIORCINATA II


 
     Che tte discevo io, Bbetta? lo vedi?
Te ne se’ accorta che cchi sta in miserie
Trova tutte le facce serie-serie,
E jje parleno appena in pied’in piedi?
              
     Nu lo volevi crede: e mmó lo credi?
Quanno una casa casca, le mascerie
Se venneno a ccarrette: e st’improperie
L’ho aùte puro io quanno sciaggnedi.
              
     Ce sei vorzuta annà: bbe’, ccos’hai fatto?
Nemmanco un po’ de pane e un po’ de schiuma
Come danno oggni ggiorno ar cane e ar gatto!
              
     Se cunzuma tesori, se cunzuma,
E a nnoi ciabbasteria tra ttanto ssciatto
Un descimo de quello che sse fuma!


1° marzo 1847