Sonetti romaneschi V/La raggione der Caraccas

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Una bbella penzata Er maestro de li signorini

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/379

LA RAGGIONE DER CARACCAS


 
     Stammatina io discevo ar mi’ padrone:
“Sor conte, ma pperché ste Su’ Eminenze
Nun sanno antro arisponne che inzolenze,
Rugheno e nun intenneno raggione?
              
     Perché ffanno la vita der portrone
Senza manco studià le convegnènze?
Perché ddanno l’assarto e la dispenze
E ppatischeno poi d’indiggistione?
              
     Perc’hanno sempr’in bocca la bbuscía,
E in quanto all’uso de volé rigali
Pe lloro è ssempre pasqua bbefania?„
              
     “Questi, fijjolo, sò ddiscorzi ssciapi„,
Fesce er padrone mio: “li cardinali
Nun zò ttutte crature de li Papi?„


23 dicembre 1846


Note

  1. Cracas: notiziario annuale ecc.