Sonetti romaneschi V/La regazza in fresco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La bbenedizzione der Zàbbito Santo Le confidenze

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/18

LA REGAZZA IN FRESCO


 
     Eh, ttu nu li conoschi li mi’ guai:
Si2 ssospiro sospiro co rraggione.
Nun zai che dda scinqu’anni quer birbone
Me tiè ssempre in parola? eh, nu lo sai?
              
     E sta’ cquieta, e ddà ttempo, e vvederai,
E adesso è ttroppa calla la staggione,
E mmó nnun ze guadaggna... In concrusione
Sta ggiornata de ddio nun spunta mai.
              
     E accusí sse3 va avanti: aspetta, aspetta,
Oggi e ddomani, oggi e ddomani, e ancora
Me dà er bon beve4 e mme porta in barchetta.
              
     Mó avémio5 da sposà ppe ottobbre, e cquanno
Fóssimo6 ar fin d’agosto, scappò ffora
A cchiède7 un’antra pròloga8 d’un anno.


2 aprile 1836


Note

  1. La ragazza lusingata.
  2. Se.
  3. Si.
  4. Il buon bere: mi traccheggia.
  5. Ora avevamo.
  6. Fummo.
  7. A chiedere.
  8. Un altra proroga.