Sonetti romaneschi V/La vedova aringalluzzita

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La vedova aringalluzzita

../La mamma uscellatora ../E io che ancora nun ho mmai possuto IncludiIntestazione 12 aprile 2010 25% Sonetti

La mamma uscellatora E io che ancora nun ho mmai possuto

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/431

LA VEDOVA ARINGALLUZZITA


 
     Sta vedovella lo tiè ttanto vero
Che lo sgrinfio la sposi a ccarnovale,
Che ggià ttiè in pronto er zu’ letto nunziale
E un bell’abito rosso e un sciallo nero.
              
     S’io perantro ho da dilla tal e cquale
Come la tengo in corpo, io nun ce spero:
Pe mmé, cquer dritto nun je viè ssincero.
Vò er frutto quello llí, nnò er capitale.
              
     E ggnente-ggnente poi che llei se lassa
Sgraffiggnà quarc’acconto de la dota,
Uhm! nun te dubbità ché vvò stà ggrassa.
              
     Sperà ccore da lui! povera ssciòta!
Si jje spareno a cquello la carcassa
Je sce troveno in cammio una carota.

no match

12 febbraio 1847