Sonetti romaneschi V/Le cariche nove

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le cariche nove

../La musicarola ../Sora Crestina mia, pe un caso raro IncludiIntestazione 12 aprile 2010 25% Sonetti

La musicarola Sora Crestina mia, pe un caso raro

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/459

LE CARICHE NOVE


 
     Che scombussolo, eh? che mmutazione!
Da quarche ggiorn’impoi dove t’accosti
Nun trovi ppiú ggnisuno a li su’ posti;
E chi pprima era Erode oggi è Nerone.
              
     Si cqua ddura accusí nemmanco l’osti
Faranno ppiú l’istessa professione,
Ché cqui adesso oggni sceto de perzone
Sfodera li su’ meriti anniscosti.
              
     Preti, sbirri, prelati, mozzorecchi,
Spie, cardinali, ggiudisci, copisti,
Te li vedi frullà come vvertecchi.
              
     Spiggneno tutti, e vann’avanti, vanno;
Ma in tanti pipinari e acciaccapisti
Chi ssa ar Papa che impiego je daranno?


1847