Sonetti romaneschi V/Le gabbelle de li turchi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er ritorno da Castergandorfo Li ggiudizzi

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/36

LE GABBELLE DE LI TURCHI


 
     Un tar munzú Ccacò, cch’è un omo pratico
E Ddio solo lo sa cquanti n’ha spesi
Pe vviaggià ddrent’ar reggno musurmatico
Dove nun ce commanneno Francesi,
              
     Ricconta che in sti bbarberi paesi
’ggni sei mesi sc’è un uso sbuggenzatico 1
Che sse paga sei mesi de testatico
Pe pprologà2 la vita antri sei mesi.
              
     Dunque disce er Francese che ssiccome
Ar Governo der Papa indeggnamente 3
Nun j’amanca de turco antro ch’er nome,
              
     C’è ggran speranza che jje vienghi4 in testa
De mette sopra er fiato de la ggente
’na gabbella turchina uguale a cquesta.


19 novembre 1836


Note

  1. Sgarbato, incitativo.
  2. Per prorogare.
  3. Espressione ironica di tal quale umiltà, di cui si fa molto uso.
  4. Gli venga.