Sonetti romaneschi V/Le smosse de quella bbon'anima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er bardassaccio de mane longhe La lavannara zzoppicona

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/191

LE SMOSSE DE QUELLA BBON'ANIMA


 
     “Era morto?„ “Era morto„. “E arzò le bbraccia?„
“E arzò le bbraccia„. “Ma de che! mma indove!„.
“Nena mia, quant’è vvero che mmó ppiove
L’arzò ddu’ vorte e sse toccò la faccia„.
              
     “Io n’ho vvisti morí da otto o nnove,
E ggnissuno m’ha ffatto sta smossaccia„.
“E cquesto che vvò ddí, ssora cazzaccia?
C’è cchi sse move, e cc’è cchi nun ze move.
              
     E nnun zuccede puro all’animali?
Dunque, dico, in che ddà sta maravijja?
Sò affetti de li spiriti vitali.
              
     Vedete inzomma si cche ccaso strano!
E cquer Zanto che ffesce unnisci mijja
Tutte d’un fiato e cco la testa in mano?„.


12 maggio 1843