Sonetti romaneschi V/Le vite

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La sartora scartata Er rispetto

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/137

LE VITE


 
     Che ddisce? Vò pparlà cco Mmonziggnore?
Sor abbate mio caro, abbi1 pascenza,
Monziggnore per oggi nun dà udienza
Manco venissi2 ggiú Nostro Siggnore.
              
     Lui ’ggni sàbbito stà in circonferenza 3
Co Mmonzú Bbuzzarè4 lo stampatore,
Pe ffà stampà le vite c’oggni utore 5
Se scrive6 pe ddà ggusto a Ssu’ Eccellenza.
              
     Sto gusto lo sa llui cosa je costa;
Perché, mmó cche lo sanno, spesso spesso
Je spidischeno vite pe la posta. 7
              
     Mó la massima è bbell’e stabbilita:
Abbasta che ssii nato, ar monno adesso
Chiunque more ha da lassà la vita.


28 ottobre 1837


Note

  1. Abbia.
  2. Nemmeno se venisse.
  3. In conferenza.
  4. Boulzaler.
  5. Autore.
  6. Si scrive, da se stesso.
  7. Ciò accade continuamente a monsignor Carlo Emmanuele Muzzarelli, uditore della S. R. Rota, il quale stimola quasi ogni italiano che maneggi una penna a scrivere la propria biografia. Morendo poi gli auto-istoriografi, egli ne va pubblicando le vite su tutti i giornali d’Italia. Nuova specie di mecenatismo.