Sonetti romaneschi V/Lo sposalizzio de Mastro-l'ammido

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Papa in ner Corpusdommine La fede a ccartoccio

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/312

LO SPOSALIZZIO DE MASTRO-L'AMMIDO


 
     Io sposalla? a la larga! co cquer dritto 2
De padre e cquela mamma ruffianona?
Io sposà cquel’arpia che ne cojjona
Piú che ne sappi cojjonà un editto?
              
     Lei Nicola, lei Meo, lei Cacaritto,
Lei Peppantonio de Piazza-Navona!...
Nun vojjo diventà rre de corona:
Nun vojjo dí: “Ppopolo mio, sò ffritto„.
              
     De guai sce n’ho a bbizzeffia inzin d’adesso,
Senz’annamm’a bbuscà sto capitale
De corna e ccento accidentini appresso.
              
     Pe sgrinfia, o bbirba o nnò, psé, ppoco male;
Ma mmojje? maramao!3 Si jj’ho ppromesso,
La sposerò, mma cquanno spiga er zale.


7 gennaio 1846


Note

  1. Mastro-l’ammido, qui applicato come nome proprio ad una persona, è una espressione che si usa quando si è piacevolmente maravigliati o non persuasi di fare una cosa; per esempio: Io sposalla? Mastro-l’ammido!
  2. Furbo, scaltro.
  3. Dio mi guardi! No davvero!