Sonetti romaneschi V/Lo svejjatore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo svejjatore

../Er volo de Simommàgo V ../Er padrone bbona memoria IncludiIntestazione 15 aprile 2010 25% Sonetti

Er volo de Simommàgo V Er padrone bbona memoria

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/289

LO SVEJJATORE


 
     Ma er piú ggranne tra ttutti li tormenti
È de bbussà a la ggente avanti all’arba.
Nun ne trovate uno che jj’aggarba.
In sto punto che qui ttutti scontenti.
              
     Quello opre la finestra, e ssu la bbarba
Ve manna una sfilata d’accidenti.
Questo ve fa ccert’antri comprimenti
Cor un voscione che nnemmanco Jarba.
              
     Tutti, o spezziali, o mmedichi, o mmammane,
O ccerusichi, o ppreti, o vviaggiatori,
Ve tratteno, per dio, peggio d’un cane.
              
     Li mejjo sò li frati, amico caro;
Che ppòi crepà de freddo o de dolori
Prima che tt’arisponni er portinaro.


14 gennaio 1845