Sonetti romaneschi V/Perzona che lo pò ssapé

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aribbartatura der capoccio Er famijjare sporca-padrone

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/143

PERZONA CHE LO PÒ SSAPÉ


 
     Nò, ccom’è vver’ Iddio nun te canzono.
In ne l’usscí1 ddar Zegretar-de-Stato 2
Oggi a ddu’ ingresi j’ha ddetto un prelato:
“S’accerti che le mmaschere sci suono„. 3
              
     Sia ringrazziat’Iddio, sia ringrazziato!
Tutte st’antre funzione io te le dono.
Io, pe mmé, nun c’è ar monno antro4 de bbono
Che ggirà ppe le strade ammascherato.
              
     Perché er Papa nun fa cch’er carnovale
Sii da San Stèfino ar ventotto ggiuggno
E da San Pietro poi fin’a Nnatale?
              
     Avería da capí Ssu’ Santità
C’a Rroma co la mmaschera sur gruggno 5
Ar meno se pò ddí la verità.6


17 gennaio 1838


Note

  1. Nell’uscire.
  2. Segretario di Stato. Apocope usatissima dalla nostra plebe.
  3. Ci sono. Modo pretensivo di parlar corretto.
  4. Altro.
  5. Sul volto.
  6. Almeno si può dire.