Sonetti romaneschi V/Questo ggià lo sapémio dar decane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La festa sua A mi' cuggina Orzola


Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/171

QUESTO GGIÀ LO SAPÉMIO DAR DECANE


 
     Questo ggià lo sapémio dar decane
Che jjeri sposò er prencipe Turloni,
Quer prencipe che spenne li mijjoni
Pe assiste er poverello e ddàjje pane.
              
     Sippoi stanotte, pe ddiesciora sane,
Senza la vesta e ssenza li carzoni,
Li du’ sposetti siino stati bboni
Lo sa Iddio bbenedetto e le zampane.
              
     La cosa nun è llisscia: io pe mmé ttremo
Che cquarche gguaio ce dev’èsse nato,
E che ppresto diranno: “In quanti semo?„.
              
     Ar bervedé cc’è ppoco, sor curato.
In cap’a nnove mesi lo vedemo.
Dar brodo se conossce lo stufato.

no match

17 luglio 1840