Sonetti romaneschi V/Sant'Agustino lo mett'in dubbio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Agustino lo mett'in dubbio

../Er Carnovale der 37 II ../La mammana in faccenne IncludiIntestazione 29 aprile 2010 25% Sonetti

Er Carnovale der 37 II La mammana in faccenne

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/54

SANT'AGUSTINO LO METT'IN DUBBIO


 
     Questo poi, verbigrazzia, nun zaprei...
Pe bbriosa, pe ggiovene, pe bbella,
Cqui ssò cco vvoi:2 ma cquer che ssia zitella 3
Nun basta, sposa, che lo dichi lei.
              
     Lei crede de pijjacce pe ccardei, 4
E io tiengo ’na scerta coratella 5
Che jje direbbe6 in faccia: “Puttanella,
Nun te fà dder paese che nun zei„. 7
              
     Nun ze fussino8 visti, eh?, li traghetti 9
Co cquer munzú che la trovò in ciavatte 10
E l’empí ttutta-quanta de merletti?
              
     Avé le corna a ttempo suo, pascenza;
Ma annassele11 a ccercà bbelle che ffatte
Nun me pare che ssii troppa prudenza.


29 gennaio 1837


Note

  1. Modo proverbiale nelle cose dubbiose.
  2. Sono del vostro parere.
  3. In quanto all’esser zitella.
  4. Di pigliarci per babbei.
  5. Tengo un certo coraggio.
  6. Le direi.
  7. Non ti attribuire ciò che non ti conviene.
  8. Non si fossero.
  9. Sotterfugi.
  10. Ciabatte.
  11. Andarsele.