Sonetti romaneschi V/Un detto de detto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er campanone de Monte-scitorio L'amiscizzia der monno

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/128

UN DETTO DE DETTO


 
     Ho ssentito mó ppropio de risbarzo 1
(màah! mmosca, veh! nun me ne fate utore)
Che Llui, Su’ Santità Nnostro Siggnore
Spesso se scola un quartarolo2 scarzo.
              
     Sarà fforzi3 una sciarla c’hanno sparzo...
Sibbè,4 cquanno er zant’omo sta d’umore,
Un bicchiere de quello ppiú mmijjore
Je va ggiú ccome un giuramento farzo.
              
     Eppoi... se sa..., le feste de natale...
Le pasque... che sso io... li corpusdommini...
Er cristiano lo vò5 cquarche bbucale.
              
     Dunque a nnoi nun sta bbene er criticallo:
Perché er Papa è un gran re de galantommini.
Si6 bbeve, è sseggno che ccià ffatto er callo.


5 giugno 1837


Note

  1. Di rimbalzo.
  2. Una quarteruola di barile.
  3. Forse.
  4. Sebbene.
  5. Vuole.
  6. Se.