Sonetti romaneschi V/Un fischio d'aria

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'appuntamenti su la luna La bbriscola

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/443

UN FISCHIO D'ARIA


 
     È ubbidiente, è aggrazziata, è de bbon core,
Je piasce er lavorà, ppovera fijja,
Ché ttutto er po’ de svario che sse pijja
È de ssceggne la sera in coritore:
              
     Diggiuna a ppan’e acqua oggni viggijja,
Abbada sempr’a ssé, nun fa l’amore...
Ché in quant’a cquesto poi, sur punto onore,
Ve la do pe l’Ottavia maravijja.
              
     L’unica cosa che mme tiè sturbata
È cche da un mese e mezzo, poverella,
Me la trovo un tantino sscinicata.
              
     Da quela santa notte, sora Stella,
C’annò ggiú ppe ssentí una serenata,
Fussi l’aria o cche sso, nnun è ppiú cquella.


27 febbraio 1847