Sonetti romaneschi V/Una bbella penzata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er viaggio a Bbettelemme La raggione der Caraccas

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/378

UNA BBELLA PENZATA


 
     E bbenedetto sia Nostro Siggnore,
Che ppe ffà vvede che nun è un stivale
Ha ccreato pe pprimo cardinale
Quer bravo Monziggnor Governatore.
              
     Sta nomina che cqui je fa ppiú onore
Che ssi calava un quadrinello ar zale,
O ssi avessi ordinato ch’er caviale
Fussi padrone de mutà ccolore.
              
     Questa è ’na gran fumata ch’er zovrano
Penza ar decoro der zagro Colleggio
E cche le bbrijje sa ttenelle in mano.
              
     Cusí quer ch’era prima un scenufreggio
Annerà dda cqui avanti a mano a mmano
Sicutèra in principio e nnunche e peggio.


21 dicembre 1846