Sonetti romaneschi VI/A Ccrementina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Ccrementina

../L'incisciature ../A Nnunziata IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

L'incisciature A Nnunziata

Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/52

 
     A che ggioco ggiucamo, eh Crementina?
Si nun me la vôi dà, bbuttela ar cane.
Sò stufo de logrà le settimane
cantanno dietr’a tté sta canzoncina.
              5
     Inzomma, o la finimo stammatina,
o ttiettela1 pe tté, cché nun è ppane:
e a Roma nun ciamancheno2 puttane
da viení ccarestia de passerina. 3
              
     Varda che schizziggnosa, si’ ammaíta!
10Se tratta che de té ne fanno acciacchi,
che nun ciài4 buscio5 sano pe la vita.
              
     Sò in cuattro a pportà er morto:6 Puntattacchi,
er legator de libbri ar Caravita,
Chiodo, e ’r ministro der caffè
=== no match ===
a li Scacchi.


Morrovalle, 20 settembre 1831 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Tientela.
  2. Ci mancano.
  3. V. sonetto…
  4. Ci hai.
  5. Buco.
  6. Espressione che si usa quante volte s’incontrino in questo numero le persone che facciano alcuna cosa censurabile.