Sonetti romaneschi VI/A Teta I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Teta I

../A Nina ../A Teta II IncludiIntestazione 1 aprile 2010 75% Sonetti

A Nina A Teta II

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/47

 
     Sentime, Teta, io ggià cciavevo dato
che cquarchiduno te l’avessi rotta;
ma che in sto stato poi fussi aridotta
nun l’averebbe mai manco inzoggnato.
              5
     De tante donne che mme sò scopato,
si ho mmai trovo a sto monno una miggnotta
c’avessi in ner fracoscio un’antra grotta
come la tua, vorebb’èsse impiccato.
              
     Fregheve, sora Teta, che ffinestra!
10che ssubbisso de pelle! che ppantano!
Accidenti che cchiavica maestra!
              
     Eppoi cazzo, si un povero gabbiano
te chiede de sonatte in de l’orchestra,
lo fai stà un anno cor fischietto in mano!


Morrovalle, 10 settembre 1831 - De Peppe er tosto


Note

  1. , in dialetto milanese, che comincia: «Sent, Teresin, m’el sera daa anca mi», etc.