Sonetti romaneschi VI/Ce conoscemo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ce conoscemo

../Che disgrazzia! ../L'inzogno IncludiIntestazione 30 aprile 2010 75% Sonetti

Che disgrazzia! L'inzogno

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/42

 
     Bella zitella che ffate a ppiastrella
cor fijjo der Ré,1 pss,2 dite, nun sbajjo?
sete voi quella che la date a ttajjo,
viscin’all’arco della Regginella?
              5
     Pasciocchettuccia3 mia, quanto sei bbella!
Ahú, fedigo fritto,3 spicchio d’ajjo, 3
quanno che vvedo a voi tutto me squajjo 3
in acquetta de cul de rondinella.
              
     Eh voi, s’aggiusta inzomma sto negozzio?
10Se poderebbe fà sto pangrattato? 4
Me crepa er core de vedevve in ozzio.
              
     Ma ssèntila! nnun vò pperché è ppeccato!
Oh ddatela a d’intenne ar zor Mammozzio:
gallina che nun becca ha ggià bbeccato.5


12 ottobre 1830 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Detto popolare.
  2. Suono di chiamata.
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 Modi accarezzativi.
  4. Accordo.
  5. Proverbio.