Sonetti romaneschi VI/Chi rrisica rosica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'impiccato La proferta

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/29

 
     Doppo c’Adamo cominciò cco Eva
tutte le donne se sò fatte fotte, 2
e tu le pijji pe ttante marmotte
d’annalle3 a ggiudicà cor 4 me pareva!
              5
     Penzi che tte se maggni5 e tte se bbeva?
Oh vattelo a pijja6 ddrento a ’na bbotte.
Te credi d’aspettà le peracotte? 7
Si la vôi fà bbuttà,8 ddajje la leva.
              
     Porteje un ventajjuccio,9 un spicciatore, 10
10pagheje la marenna11 all’ostaria,
eppoi vedi si12 è ttenera de core.
              
     Te pozzo dí cche la Commare mia,
che nun aveva mai fatto l’amore,
pe un zinale me disse: accusì ssia.


Roma, 14 settembre 1830 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Nel rischio è il guadagno
  2. Si son fatte fottere.
  3. Da andarle.
  4. Col.
  5. Pensi che ti divori?
  6. A pigliare.
  7. Aspettar le peracotte: voler i successi senza alcuna propria opera per procurarli.
  8. Se la vuoi far buttar, far cedere.
  9. Ventagliuccio.
  10. Pettine da fissare sul capo le trecce.
  11. Merenda.
  12. E poi vedrai se.