Sonetti romaneschi VI/Du' sonetti pe Lluscia II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Du' sonetti pe Lluscia I La scolazzione


Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/57

DU' SONETTI PE LLUSCIA II


 
     Me sento arifiatato! Infinarmente
Oggi ho ffatto lo stacco der ceroto, 1
Co ttutto che Lluscia, quell’accidente,
Facci le sette peste,2 e ’r terramoto.
              
     Pozzi èsse ammazzataccio chi sse pente,
E sta’ cquieto, che cquì nun ciariscoto: 3
Prima voría tajjamme er dumpennente 4
E ffacce5 un Pe Gge Re6 come pe vvoto.
              
     Già, è stata la Madonna de l’assunta
Che ha vvorzuto accusí ddelibberamme
Quanno ero ar priscipizzio in punta in punta.
              
     Ma dd’oggimpoi si azzecco un’antra lappa 7
Medema che8 Luscia, me metto a ggamme; 9
Ché a sta vergna10 che cquì vvince chi scappa.


Morrovalle, 22 settembre 1831 - Der Medemo


Note

  1. Il distacco.
  2. Faccia il gran romore.
  3. Non ci soccombo.
  4. Vocabolo tolto dal Dum pendebat dell’inno Stabat Mater.
  5. Farci.
  6. P.G.R. lettere che si veggono in tutte le tavolette votive, e significano: Per Grazia Ricevuta.
  7. Donna scaltra.
  8. Eguale a.
  9. Fuggo.
  10. Qui per intrigo pericoloso.