Sonetti romaneschi VI/Er Curato linguacciuto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Curato linguacciuto

../Fijji bboni a mmadre tareffe ../Li spiriti I IncludiIntestazione 2 maggio 2010 75% Sonetti

Fijji bboni a mmadre tareffe Li spiriti I

Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/156

 
     Lo so, lo so ch’er zor curato ha sparza
la chiacchiera ch’io bbatto1 in borgo-novo,
che in ner mentre mantiengo er m’arimovo 2
manno pe Rroma la mi’ mojje scarza, 3
              5
     e cche ppe ffajje fà mmejjo comparza
pelo er gabbiano mio dove lo trovo:
ma sto frate è un busciardo, e tte l’approvo: 4
cuanno una cosa nun è vvera, è ffarza. 5
              
     Abbadi a llui però co sta pastrocchia, 6
10perché le lingue sò ttutte sorelle,
e llui puro pò avé cchi jje la scrocchia: 7
              
     lui che annanno a pportà le pagnottelle
de san Nicola,8 in de la su’ parrocchia
ha ingallato da9 dodisci zitelle.

no match

Terni, 11 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Pratico.
  2. Mi-rimovo: espressione indicante «la commozione eccitata da un soggetto che s’ama», quindi per traslato, «l’oggetto stesso».
  3. Scalza.
  4. Te lo provo.
  5. Falsa.
  6. Menzogna mal composta.
  7. Chi lo colpisce dicendo il di lui fatto.
  8. Piccolissimi pani benedetti, di virtù non inferiore a qualsiasi elisir.
  9. Circa.