Sonetti romaneschi VI/Er Padrone padrone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A vvoi de sotto La governante der Governatore

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/291

 
     Era da un pezzo c’avevo annasato 1
ch’er zor padrone m’uscellava Ghita.
Dico: «Eccellenza, vado ar Caravita». 2
Disce: «Va’ bbello mio: bbravo, Donato».
              5
     Io m’agguatto in cuscina;3 e appena usscita
la padrona cor zu’ ganzo affamato,
te li pijjo in gattaccia:4 «Ebbè? ch’è stato?».
Disce: «Ggnente... ggiucàmio5 una partita».
              
     Dico: «Me pare a mmé cche de sto svario
10se ne pò ffà de meno; e ste su’ vojje
nun entreno ner conto der zalario».
              
     Disce: «Se pò ssapé che vve se ssciojje? 6
Oh gguardatelo llí cche ttemerario!
Nun vò cche mmi diverti con zua mojje!».


23 dicembre 1837


Note

  1. Subodorato, preso sospetto.
  2. Oratorio di divozioni notturne.
  3. Mi pongo in agguato, mi celo in cucina.
  4. Li prendo sul fatto.
  5. Giocavamo.
  6. Si può sapere che vi si scioglie?, cioè: «Si può sapere quali nuove idee vi montano?».