Sonetti romaneschi VI/Er Papa II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Presidente de l'urione Li mariti I


Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/147

ER PAPA II


 
     Bisogna dí cch’er Papa cuanno è Ppapa
Diventi granne peggio d’un colosso,
C’ogni pelo je creschi come un osso,
E abbi ogn’occhio più ggranne d’una rapa.
              
     Bisoggna dí ch’er sagro culo grosso
Ne li carzoni vecchi nun je capa,
E cche l’uscello je s’abbotti addosso
Come la pelle gonfia d’una crapa. 1
              
     Perché a Ccaster-gandorfo2 a mman’a mmano
papa Grigorio indegnamente ha ddetto
A ttutto-cuanto er popolo romano,
              
     Che cquanno torna a Rroma, poveretto,
Vò annà abbità a Ssampietr’invaticano, 3

=== no match ===
Perché a Mmonte-cavallo3 ce sta stretto.


Terni, 6 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Capra.
  2. Castel-Gandolfo, terra contigua a Roma, ove è la villeggiatura de’ Papi.
  3. 3,0 3,1 I due palazzi pontifici, attualmente abitabili, sono quelli del Vaticano e del Quirinale, detto Monte-Cavallo.