Sonetti romaneschi VI/Er Presidente de l'urione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Presidente de l'urione

../La bballarina de Tordinone ../Er Papa II IncludiIntestazione 31 marzo 2010 75% Sonetti

La bballarina de Tordinone Er Papa II

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/146

 
     Ma llustrissimo mio, cquà nun ce trovo
a llei de nun zentí c’una campana. 2
Lei se vadi a informà pe bborgo-novo 3
si cche ppelletta è sta vecchiaccia cana.
              5
     Che sse laggna?, che jj’ho ddetto ruffiana?
Sissiggnora, è rruffiana, è jje l’approvo, 4
ché ppò stà ttistimonia Roma sana
si a ccasa sua c’è ssempre ggente ar covo.
              
     E llei perché cquer giorno a la Ritonna 5
10disse mignotta a mmé? Me maravijjo!
Sta fica è ancora sana, e nnun se sfonna.
              
     E ssi vvò er giuramento, io me lo pijjo,
ch’io sò zzitella ppiú de la Madonna,
perché llei, nun fuss’antro, ha ffatto un fijjo.


26 giugno 1832 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Rione. Roma si divide in quattordici Rioni, ciascuno de’ quali ha il suo Presidente di Polizia.
  2. Non udire che una parte.
  3. Via di Roma nel Rione di Borgo, presso il Vaticano.
  4. Glielo provo.
  5. Sulla piazza del Panteon.