Sonetti romaneschi VI/Er Zanto re Ddàvide

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li preti maschi Er ciurlo

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/215

 
     Chi vvò ssapé er re Ddàvide chi ffu,
fu er Casamia1 der tempo de Novè, 2
che pparlava co Ddio a ttu pper tu,
e bbeveva ppiú vvino che ccaffè.
              5
     Chi ppoi cuarc’antra cosa vò ssapé,
vadi a ssentí la predica ar Gesú, 3
e imparerà che pprima d’èsse re
era un carciofolà4 dder re Esaú. 5
              
     E a cchi nun basta de sapé ssin qui,
10e cquarc’antra cosetta vò imparà,
legghi la Bbibbia, si la pò ccapí;
              
     e imparerà ch’er re ccarciofolà
dar zàbbito inzinent’ar venardí
je piasceva un tantino de fregà.


Roma, 11 gennaio 1833


Note

  1. Il Casamia, nome di un astrologo, e insieme di un di lui almanacco, regolatore de’ romani pronostici.
  2. Noè.
  3. Nella chiesa del Gesù i fratelli del Loiola spiegano ogni domenica dopo vespro la Sacra Bibbia.
  4. I carciofolà sono cantori e suonatori d’arpa, specie di bardi girovaghi, nativi per lo più degli Abruzzi, così chiamati dalla stessa parola che un tempo terminava, quasi intercalare, le loro stroffe d’amore. Oggi sonosi alquanto più raffinati. Suonano anche il violino, che sostengono avanti il ventre, col manico in su, e la parte sonora in giú.
  5. Saul.