Sonetti romaneschi VI/Er pane e 'r companatico

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La madre de le Sante De tutto un po'

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/181

 
     Cuanto mai se pò scrive co la penna,
ortr’a la storia der Guerrin Meschino
e ll’antre cuattro de Paris e Vvienna,
Cacasenno, Bbertollo, e Bbertollino:
              5
     tutto cuer che sse disce e cche ss’azzenna,
tutto cuer che indovina un indovino,
sò ccome un’allegria senza marenna 1
e ccome un pranzo che cciamanchi2 er vino,
              
     appetto ar gran miracolo de Cristo,
10che ccor un po’ de pane e un po’ dde pessce
seppe fà cquello che ggnisuno ha vvisto.
              
     Fàmolo adesso noi si cciarïesce! 3
Mò pe ste cose er pessce è un farzo acquisto,
perché l’uscello è mmó cquello che ccresce.


Roma, 6 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Merenda.
  2. Ci manchi.
  3. Ci riesce.