Sonetti romaneschi VI/Er pane per antri denti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La gatta-morta Li comprimenti de le lavannare

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/294

 
     Pe ppiascemme, cojjoni si mme piasce!
Che ggraffiona, pe ddio, che ttraccaggnotta!
bianca ppiú de la carcia e la ricotta:
co ddu’ rossi che ppareno du’ bbrasce!...
              5
     Nun zò cquesti li guai: quer che mme scotta,
ppiú cche ssi stassi immezzo a ’na fornasce,
è de vedella, e de lassalla in pasce;
ché, ppe ddisgrazzia mia, nun è mmiggnotta.
              
     Quella scerca marito; e ppe sposalla
10o cce vò rrobba ar zole o bbaiocchelle,
perché de casa sua sta ttoppo calla.
              
     Che sò ttre giulî ar giorno, Raffaelle?
De car’e ggrazzia sce se pò strappalla,
e sse ne vanno in tacchie e gguaïnelle.


6 dicembre 1844