Sonetti romaneschi VI/Er piggionante der prete

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er piggionante der prete

../Nun mormorà II ../La serva e l'abbate IncludiIntestazione 12 aprile 2010 75% Sonetti

Nun mormorà II La serva e l'abbate

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/218

 
     Tre ppavoli, lo so, ccaro don Diego:
me l’aricordo, v’ho da dà un testone:
m’avanzate tre ggiulî de piggione:
trenta bbaiocchi, sí, nnun ve lo nego.
              5
     Perantro de sti conti io me ne frego,
perché ssò ar verde e sto ssenza padrone.
E come disce chi nun è ccojjone?
«Prima càrita síncipi tabbego».
              
     Dunque, sentite, sor don Diego mio:
10eccheve du’ lustrini, e ffamo patta;
e a messa poi v’ariccommanno a Ddio.
              
     Già, un giulio solo; e mmó dd’uno se tratta.
Tre ne volete? E cquesto è ttre, pperch’io
lo bbattezzo pe un tre ccome la matta.


17 gennaio 1847