Sonetti romaneschi VI/Er punto d'onore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er tignoso vince l'avaro A le prove

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi VI.djvu/109

 
     Bbè, vvia, bbasta che ssii senza malanni
viè ddimani su a casa de Vincenza.
Oggi nun pozzo dattela in cusscenza
perché vvado a l’erliquie a Ssan Giuvanni.
              5
     Sta ggiornata che cquì da tre o cquattr’anni
me confesso e ffò un po’ de pinitenza,
perché cchi pijja oggi l’indurgenza
va in paradiso co ttutti li panni.
              
     Che tte fa un giorno ppiú o un giorno meno?
10Mica è ggrano che ccasca! morissi oggi,
te voría compatí: tanto sei pieno?
              
     Oé però, si è vvero de st’orloggi, 1
pe nnun mancà a li patti te lo smeno,
ma cqui ddrento cuccú cche mme l’appoggi!


Roma, 22 novembre 1831 - Der medemo


Note

  1. Buboni.